Monthly Archives: Aprile 2015

“Whispers – Sussurri” di Alina Vergnano

testata-eventi-low

FUORI LUOGO – ARTE CONTEMPORANEA FUORI DAL MUSEO

Il condominio Incis di Pordenone diventa un’opera d’arte

Tolti i ponteggi e tornato il sole, si presenta finalmente al pubblico nella sua interezza l’opera di Urban Art “Whispers – Sussurri” dell’artista Alina Vergnano, un murale di 200mq realizzato sul condominio Incis di via Oberdan, primo ad aderire al progetto FuoriLuogo. Promosso dall’associazione Ubik Art (presidente Giuseppe Carletti), dall’artista Mattia Lullini e Massimo Franzo dell’impresa Franzo con il patrocinio del Comune di Pordenone e dell’Unione industriali di Pordenone, FuoriLuogo è interamente finanziato da privati e si propone di realizzare nell’arco di 2 anni, 12 murales realizzati da 12 artisti internazionali su altrettanti condomini, che aderiranno al progetto: le adesioni sono in corso e aperte a palazzi, case o condomini di Pordenone e della sua cintura urbana (ma stanno arrivando richieste d’informazione anche da altre città) che vorranno aggiungere ad una riqualificazione esterna dell’edificio il valore di un’opera d’arte.

Alina osserva l'andamento dei lavoriphoto credits: Angelo Simonella

Alina osserva l’andamento dei lavori, photo credits: Angelo Simonella

Vedere all’opera la giovane Alina, che ha realizzato l’opera da sola in 5 giorni ha incuriosito tutti: dai passanti che formavano piccoli capannelli sulla strada, agli operai del cantiere agli stessi condomini, che l’hanno un po’ adottata, passandole caffè e gelati dai balconi come ristoro durante le intense giornate di lavoro. “E’ la prima volta – commenta Vergnano, che attualmente vive e lavora in Svezia – che realizzo un’opera frutto di un progetto condiviso su di un edificio abitato. Questa modalità ha un ulteriore valore aggiunto rispetto all’Urban Art e accentua ancora di più il suo carattere democratico. I condomini hanno scelto il mio bozzetto e hanno seguito i miei consigli sui colori, scelti per armonizzarlo al contesto. Ogni giorno potevano osservare l’andamento dei lavori e la curiosità iniziale si è trasformata in un grande entusiasmo culminato in una piccola festa auto organizzata in cui ciascuno ha portato qualcosa. Sono stati molto coraggiosi e aperti. Si sono ritrovati uniti in questo percorso e tutti sono venuti alla mostra dei miei lavori, allestita negli spazi di Ubik Art all’ex mulino De Franceschi, dove hanno voluto prendere come ricordo anche alcune mie stampe. In questo senso c’è stata una perfetta corrispondenza tra la mia opera, che mette al centro le relazioni, il senso del progetto stesso e il risultato finale”.

photo credits: Angelo Simonella

photo credits: Angelo Simonella

FuoriLuogo infatti vuole proprio creare relazioni inedite tra i condòmini, tra il condominio e la città, tra l’artista e la città. Obiettivo raggiunto al primo colpo, dunque, considerando anche che il Salone Milena ha voluto un’opera di Alina per il proprio negozio. Positiva anche la valutazione dell’assessora all’urbanistica Martina Toffolo: “Il lavoro è molto bello e dimostra la validità e la qualità del progetto. L’artista ha saputo definire un progetto in relazione con la città e i condomini hanno dimostrato coraggio e lungimiranza”. A fine maggio FuoriLuogo si sposta a Porcia, grazie all’adesione del condominio Platano, situato proprio di fronte al Comune.

Clelia Delponte per FuoriLuogo

Hong Kong details in Belcher’s Hill

Hong Kong homes

DETTAGLI DI SOBRIO DESIGN A BELCHER’S HILL

E’ grazie ad una rampa di scale in legno scuro che si accede ai piani superiori di questo appartamento nell’esclusiva Belcher’s Hill Kennedy Town ad Hong Kong. Qui il gusto sobrio di migliori marchi di design italiano pensato da Poloni Arredamenti la fanno da padroni. In una città dove i metri quadrati si vendono a peso d’oro, il proprietario di casa ne dispone di ben duecentocinquanta. Gli spazi ben distribuiti regalano all’abitazione un’atmosfera intima e raccolta. Honk Kong details: un vaso di fiori illuminato da un unico punto luce superiore, ingentilisce il telaio in legno a sbalzo sulle scale e ne accentua la vena dorata del legno. Tutto è minimale e non v’è nulla in eccesso.

Chiara Orlando

Poloni & C. s.a.s. via Treviso 96 – Signoressa di Trevignano Tv – Italy
Orari di apertura showroom Dal lunedi al venerdi 9.00-12.00 • 15.30-19.30
Sabato 10.00-12.00 16.00-19.30 Domenica chiuso
Telefono +39.0423.819875 – Fax +39.0423.670633
E-mail: info@poloniarredamenti.it
www.poloniarredamenti.it

Alina Vergnano, Urban Art a Pordenone

Alina Vergnano al lavoro sul condominio Incis di via Oberdan.

Arte, imprenditoria e tecnologia si alleano per portare bellezza e dare una mano all’ambiente.

Sta entrando nel vivo il progetto di Urban Art FuoriLuogo a Pordenone. Dalla Svezia, dove attualmente vive, è arrivata la giovane artista torinese Alina Vergnano e subito si è messa al lavoro sulla grande parete (circa 200 mq) del condominio Incis di via Oberdan, che ha aderito al progetto promosso da Ubik Art e Franzo, col patrocinio del Comune di Pordenone. L’obiettivo? Realizzare in una settimana circa un murales che ricoprirà l’intera parete, primo di una serie di 12 (per 12 artisti) da realizzare in 2 anni. Il colore di fondo, rosa antico, è stato approvato dai condomini.

Alina Vergnano palazzo PN

Alina Vergnano, photo credits: Angelo Simonella

Su questa base Vergnano realizzerà in beige (e nero per i contorni e capelli) i volti femminili che vanno a comporre “Sussurri”, l’opera scelta dai condomini su 4 bozzetti di diversi artisti. Franzo le ha messo a disposizione un ponteggio elettrico, che le permetterà di muoversi agevolmente su e giù e darà modo ai passanti di assistere al progredire dell’opera, mentre per i colori la scelta è caduta su di un prodotto “self clean”: grazie alle nanotecnologie con cui è realizzato non solo è autopulente, garantendo una manutenzione ottimale negli anni, ma assorbe la Co2 rilasciata nell’aria dagli automezzi, così anche l’ambiente sorride.

Alina-Vergnano

Alina Vergnano, photo credits: Angelo Simonella

Timida e minuta, Vergnano (diploma all’Istituto Europeo di Design di Torino) è illustratrice, ceramista, videoanimatrice e writer; espone in Italia e all’estero, ha lavorato al Maam di Roma, ha preso parte a The Others Contemporary Art Fair di Torino, Vedo a colori festival e Street Art Delhi Festival. Il suo mondo estetico fa riferimento a immagini femminili stilizzate con le quali rappresenta l’introspezione e l’interazione tra le persone, ma anche la solitudine che si può provare nella folla. In questo caso i volti che si intersecano in un groviglio umano sono quasi emblematici del progetto FuoriLuogo, dove il privato dialoga con l’arte e con il pubblico, il condominio, quasi organismo vivente, dialoga con la città, le associazioni interagiscono tra loro, rappresentando nel contempo la vita stessa del condominio. “La street art – afferma Alina Vergnano – è una forma di arte democratica, che arriva a tutti. Nel mio lavoro di writer mi faccio ispirare da quello che mi trasmette il luogo, in questo caso un posto vivo dove accadono delle cose, lavorando in continuità e armonia con il contesto, come gli edifici circostanti. FuoriLuogo è innovativo, perché non fa scelte imposte dall’alto, ma parte da un processo di condivisione con i condomini”. Chi vuole conoscere da vicino l’artista, può visitare la mostra con i suoi lavori allestita da martedì 21 aprile a lunedì 27 aprile negli spazi di Ubik Art all’ex mulino De Franceschi di Rorai Grande, aperta dalle 18 alle 22.

Clelia Delponte per Fuori Luogo

Happy Earth Day everyone!

earth day

Una giornata incorniciata dal sole, un giardino in cui tutto – a parte le rose- sembra essere esploso. Non so se posso definirmi una persona tanto “green” perché in fondo amo tutte le comodità, ma sono cresciuta in un posto in cui la terra è un bene prezioso. Amo il verde, amo le nuvole, amo il sole. Amo disegnare su carta riciclata e poi mi cruccio di averci disegnato sopra perché il disegno che è venuto bene, non posso darlo a nessuno.

Chiara Orlando

Caccia ai pezzi di design: Louis Ghost

Louis Ghost

DI STARCKIANA FATTURA

Non necessita di grandi introduzioni questa sedia realizzata per Kartell dal francese Starck. Nella Louis Ghost la sua impronta è inconfondibile! Amato e detestato, il francese visionario ha realizzato per quanto mi concerne dei grandissimi pezzi di design. E di lui mi piacciono pure i pezzi più vecchi, tipo quelle poltroncine con lo schienale che ti avvolge e il sedile in pelle nera. Quali? Quelle che ha il Delser di Udine dove sono sempre indecisa nello stabilire se il top della vita sia il crostino col salmone e burro salato o sedersi proprio su meravigliosa Pratfall chair. Probabilmente è l’abbinata ad incantarmi.

Chiara Orlando

Il corpo eretico di Kusterle inaugura a Pordenone

Kusterle, Galleria Harry Bertoia 1

GRANDE AFFLUSSO DI PUBBLICO PER L’ARTISTA GORIZIANO

È stata inaugurata sabato la prima mostra antologica di Roberto Kusterle in Galleria Harry Bertoia di Pordenone.
Una mostra fortemente voluta dal Comune di Pordenone e realizzata in collaborazione con l’associazione culturale Venti d’Arte di Udine. La mostra, che non lascia di certo indifferenti i visitatori per tipologia di immagini e per la scelta della disposizione delle opere, è stata curata da Francesca Agostinelli e Angelo Bertani.
La Galleria Harry Bertoia si conferma dunque anche in questa occasione uno spazio in grado di accogliere al meglio grandi eventi artistici e culturali.

Kusterle Galleria Harry Bertoia

Roberto Kusterle offre la sua visione del rapporto tra uomo e natura ed instaura un vero e proprio dibattito con l’osservatore. Dibattito che trova spazio nelle superfici bianche ed essenziali della galleria pordenonese alla terza grande mostra.
Sarà per via dell’elaborazione dei soggetti e della scelta del formato delle opere stampate in formato Uni A 1, ma la sensazione che si ha è che i protagonisti ritratti possano realmente interloquire. L’impatto visivo è notevole: l’immagine fotografica è ricca di dettagli e di effetti chiaroscurali. Il fondo dove il color seppia e il color grigio si battono per avere la meglio, aumenta l’impatto prospettico tanto da rendere il soggetto quasi un ologramma.

Kusterle Galleria Harry Bertoia

È curioso pensare che il goriziano Kusterle si sia avvicinato alla fotografia solo in un secondo momento e che prima si occupasse di arte visive. Indubbiamente questa sua prima fase artistica gli ha regalato una capacità unica nella definizione dei dettagli di ogni singola opera esposta.

Non ci poteva essere titolo più azzeccato per questa esposizione “Il corpo eretico”appunto : come racconta Francesca Agostinelli – “ è un titolo funzionale e funzionante.” –
Corpo ed eresia dunque: un gioco di opposti con cui Roberto Kusterle si distacca da tutti quelli che sono i canoni tradizionali della fotografia e ci offre la sua chiave di lettura.

Ci si trova di fronte ad opere dove vi è una grande preparazione del soggetto ed il cui corpo che diventa eretico, si dispiega verso identità culturali precise. Non mancano riferimenti a teologi, poeti e geologi.
Grande l’afflusso di pubblico in Galleria Bertoia che, dopo l’esposizione di Pierpaolo Mittica e la mostra del Centenario di Harry Bertoia, ha assistito alla mise en scene dei lavori dell’artista di Gorizia.

Kusterle Harry Bertoia 640

Da segnalare anche la disposizione delle opere che è stata pensata dai curatori a cicli che hanno il compito di accompagnare il visitatore in un percorso didattico.
Il percorso della mostra si chiude con un “abbraccio”, dove una natura dalle tonalità scure e misteriosa fa da quinta scenica ad un gesto ricco di significato.

Kusterle Crescita

L’evento ha il patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia, della Provincia di Pordenone, dell’Università degli Studi di Udine e dell’Accademia di Belle Arti di Venezia. Va segnalata anche la partecipazione di FriulAdria Crédit Agricole e di Coop Consumatori Nordest.

Chiara Orlando

 

La mostra è aperta sino al 9 agosto presso la Galleria Harry Bertoia 

dal mercoledì al sabato dalle 15.30 alle 19.30;
domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 19.30
Comune di Pordenone: (+39) 0434 392916, attivitaculturali@comune.pordenone.it www.comune.pordenone.it/galleriabertoia.

Associazione Culturale “Venti d’arte”: 3392887440, 
venti.darte@libero.it, 
www.associazioneventidarte.wordpress.com.

Il Moleskine Art Journal per Kusterle

The perfect way to end a perfect day. #sunnydays #kusterle #artistsbooks #exibition #rosewine #moleskine #MoleskineArtJournal #exibitions #feedback #art #instamoment #inspiration #photooftheday #photo_gallery #fotografia #sparklingwine #aperitivo #igersfriuli #igersitalia #ilcorpoeretico #fotografi

The perfect way to end a perfect day.
#sunnydays #kusterle #artistsbooks #exibition #rosewine #moleskine #MoleskineArtJournal #exibitions #feedback #art #instamoment #inspiration #photooftheday #photo_gallery #fotografia #sparklingwine #aperitivo #igersfriuli #igersitalia #ilcorpoeretico #fotografi

FINALMENTE SI INIZIA!

Moleskine Art Journal alla mano – bellissimo regalo di una cara amica – oggi mi sono dedicata ad un breve articolo sulla mostra vista ieri in Galleria Harry Bertoia. Lo confermo anch’io: ha ragione Bertani quando dice che la mostra “Il corpo eretico“di Kusterle è imperdibile. Sono rientrata a casa con la creatività a mille e piena d’ispirazione. Ho pure dormito, cosa che in genere mi riesce difficile e oggi ero pure efficiente.

Mi sono premiata aprendo un rosé a cui dedicherò uno dei prossimi articoli. Un indizio? Cantina locale con visione globale: Furlans do it better :-).

p.s. il bouquet fiorito o la “Paillardina” come qualcuno l’ha chiamato, è in arrivo.

Chiara Orlando