A Star is born, la recensione del film di Bradley Cooper

A Star is Born, film presentato fuori concorso a Venezia 75, segna la prima volta alla regia di Bradley Cooper.
Il canovaccio del film si rifà ad un tema caro a Hollywood e già sviluppato in precedenza: quello della nascita di una stella, così come indica proprio il titolo della pellicola di cui Cooper è anche attore e co-produttore.

Con lui, un’attesissima Lady Gaga nelle vesti di Ally, la ragazza che per puro caso il protagonista Jackson Maine (Bradley Cooper) sente cantare in un bar.
Lei tuttavia è solo una cameriera con l’ambizione della musica: l’incontro fortuito con il re della country music Jackson, le cambierà la vita.
Jackson Maine, la cui popolarità è enorme, paga lo scotto della fama vivendo una vita di eccessi e convivendo con un grosso problema di udito e un fratello manager con cui ha un rapporto conflittuale di odio e amore.

A Star is born, in foto Ally e Jackson (Lady Gaga e Bradley Cooper)

Ally, che grazie a Jakson inizierà la sua scalata nel mondo della musica, si trova a vivere anche la graduale discesa negli inferi del musicista a cui si lega.
In A Star is Born non ci sono novità, né particolari colpi di scena, ma i due protagonisti sono così fedeli alla verità e così sinceri da far dimenticare allo spettatore un copione con qualche cliché di troppo.

A Star is born, Bradley Cooper oltre ad essere regista della pellicola è anche co-produttore e attore

Lady Gaga, si conferma un’artista a tutto campo e conquista i cuori anche di chi ne ha sempre detestato musica o l’iconico personaggio costruito da Stefani Joanne Angelina Germanotta con una buona prestazione di attrice.

Se siete curiosi di vedere una Lady Gaga senza trucco, priva di orpelli e vera, non perdetevi A Star is Born, pellicola in cui i suoi duetti con un sensazionale Bradley Cooper (canta davvero lui nel film), vi faranno tenere i fazzoletti sotto mano in più di qualche occasione.

A Star is born, in foto Allie e Jackson (Lady Gaga e Bradley Cooper) nella pellicola presentata fuori concorso a Venezia

A corollario della storia, l’America dei palchi dei grandi concerti e della voglia di emergere, così come quella dei rapporti difficili.
Ma è comunque l’amore il punto fermo su tutto: quando l’ago della bilancia si sposta e la stella appena nata inizia ad offuscare quella che brilla da più tempo, l’amore di Ally per Jackson sovrasterà tutto.

Chiara Orlando

A Star is born, la recensione del film di Bradley Cooper ultima modifica: 2018-09-08T14:55:28+02:00 da Chiara Orlando

Rispondi