La meraviglia dell’ acquatinta

L’  A C Q U A T I N T A :   LA   T E C N I C A   C H E   R I C O R D A   L’ A C Q U E R E L L O !

Le uniche cose che mi consolavano durante le prime lezioni di incisione erano l’incredibile vista dalla finestra dello studio e la pazienza del Maestro.

La ricordo ancora quella luce che rendeva le foglie della camelia lucenti e di un color verde vivo!
Difficile dimenticare quei colori e quel sole in quel fazzoletto perfetto racchiuso tra le mura. Già, un piccolo meraviglioso giardino dove il verde imperava.
Alzando gli occhi dalla lastra che tentavo di levigare con scarsi risultati, pensavo a come avrei potuto trasferire tanta bellezza anche lì, su quella superficie che mi era a dir poco ostile.
Famosa per la mia poca pazienza e per la scarsa capacità di concentrazione, ogni lavoro in cui si richiedono pazienza e determinazione, mi sfinisce.
La fase di preparazione della lastra per l’incisione veniva da me percepita come una vera tortura…

E tutta quella perdita di tempo, poi ! Ore ed ore passate a levigare quelle lastre di zinco che, come diceva il Maestro, dovevano diventare “a specchio”

La porta che dà sul mio studio

Ma perché farlo quando si potevano trovare in commercio lastre già perfettamente levigate e lucide? Beh, perché c’è bisogno di tutto quel processo preliminare lento e noioso che fa capire ad obiettivo raggiunto, che te lo sei veramente meritato, il risultato. Forse col tempo sto migliorando, perché mi sento più paziente e determinata. In passato, nel disegno e in qualsiasi forma artistica, sono sempre stata più istintiva e decisamente poco paziente.

Se c’è un settore dell’incisione in cui questa virtù è assolutamente necessaria, questo è quello dell’acquatinta. Pur essendo una tecnica complessa, i risultati che si possono avere sono sbalorditivi. Certo non sto parlando di opere di Goya, ma di piccoli esperimenti di acquatinta gradevoli. Se con l’acquaforte siamo in grado di ottenere dei grafismi netti sulla carta e i chiaroscuri sono dati dagli incroci dei segni più o meno fitti sulla matrice, con l’acquatinta si possono realizzare una miriade di sfumature che assomigliano a morbide pennellate.

” fruttiera”, acquatinta stampata con inchiostro sanguigna

Ecco la stessa lastra inchiostrata con inchiostro nero:

“Fruttiera”, acquatinta stampata con inchiostro di stampa nero

Qual’è la stampa più interessante? Quella più tradizionale in nero, oppure quella sanguigna?
A voi il giudizio!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: