Il corpo eretico di Kusterle inaugura a Pordenone

Kusterle, Galleria Harry Bertoia 1

GRANDE AFFLUSSO DI PUBBLICO PER L’ARTISTA GORIZIANO

È stata inaugurata sabato la prima mostra antologica di Roberto Kusterle in Galleria Harry Bertoia di Pordenone.
Una mostra fortemente voluta dal Comune di Pordenone e realizzata in collaborazione con l’associazione culturale Venti d’Arte di Udine. La mostra, che non lascia di certo indifferenti i visitatori per tipologia di immagini e per la scelta della disposizione delle opere, è stata curata da Francesca Agostinelli e Angelo Bertani.
La Galleria Harry Bertoia si conferma dunque anche in questa occasione uno spazio in grado di accogliere al meglio grandi eventi artistici e culturali.

Kusterle Galleria Harry Bertoia

Roberto Kusterle offre la sua visione del rapporto tra uomo e natura ed instaura un vero e proprio dibattito con l’osservatore. Dibattito che trova spazio nelle superfici bianche ed essenziali della galleria pordenonese alla terza grande mostra.
Sarà per via dell’elaborazione dei soggetti e della scelta del formato delle opere stampate in formato Uni A 1, ma la sensazione che si ha è che i protagonisti ritratti possano realmente interloquire. L’impatto visivo è notevole: l’immagine fotografica è ricca di dettagli e di effetti chiaroscurali. Il fondo dove il color seppia e il color grigio si battono per avere la meglio, aumenta l’impatto prospettico tanto da rendere il soggetto quasi un ologramma.

Kusterle Galleria Harry Bertoia

È curioso pensare che il goriziano Kusterle si sia avvicinato alla fotografia solo in un secondo momento e che prima si occupasse di arte visive. Indubbiamente questa sua prima fase artistica gli ha regalato una capacità unica nella definizione dei dettagli di ogni singola opera esposta.

Non ci poteva essere titolo più azzeccato per questa esposizione “Il corpo eretico”appunto : come racconta Francesca Agostinelli – “ è un titolo funzionale e funzionante.” –
Corpo ed eresia dunque: un gioco di opposti con cui Roberto Kusterle si distacca da tutti quelli che sono i canoni tradizionali della fotografia e ci offre la sua chiave di lettura.

Ci si trova di fronte ad opere dove vi è una grande preparazione del soggetto ed il cui corpo che diventa eretico, si dispiega verso identità culturali precise. Non mancano riferimenti a teologi, poeti e geologi.
Grande l’afflusso di pubblico in Galleria Bertoia che, dopo l’esposizione di Pierpaolo Mittica e la mostra del Centenario di Harry Bertoia, ha assistito alla mise en scene dei lavori dell’artista di Gorizia.

Kusterle Harry Bertoia 640

Da segnalare anche la disposizione delle opere che è stata pensata dai curatori a cicli che hanno il compito di accompagnare il visitatore in un percorso didattico.
Il percorso della mostra si chiude con un “abbraccio”, dove una natura dalle tonalità scure e misteriosa fa da quinta scenica ad un gesto ricco di significato.

Kusterle Crescita

L’evento ha il patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia, della Provincia di Pordenone, dell’Università degli Studi di Udine e dell’Accademia di Belle Arti di Venezia. Va segnalata anche la partecipazione di FriulAdria Crédit Agricole e di Coop Consumatori Nordest.

Chiara Orlando

 

La mostra è aperta sino al 9 agosto presso la Galleria Harry Bertoia 

dal mercoledì al sabato dalle 15.30 alle 19.30;
domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 19.30
Comune di Pordenone: (+39) 0434 392916, attivitaculturali@comune.pordenone.it www.comune.pordenone.it/galleriabertoia.

Associazione Culturale “Venti d’arte”: 3392887440, 
venti.darte@libero.it, 
www.associazioneventidarte.wordpress.com.

Rispondi