Gianpietro Bisaro: il mosaico che fa sognare lontano

GIAMPIETRO BISARO

È una luce generosa ad illuminare le tessere di mosaico del laboratorio di Giampietro Bisaro. Una volta entrati nel suo studio, si viene subito catturati dal bagliore dei suoi mosaici e dalla bellezza dei pigmenti che si fondono assieme in tante sfumature di colore.
Sebbene nella percezione comune l’atelier di un artista sia un luogo poco illuminato e dove regna il disordine, nel laboratorio del Maestro mosaicista Bisaro, le cose sono diverse: la luce qui abbonda e gli strumenti sono disposti con grande cura.

GIAMPIETRO BISARO
Un dettaglio di un’opera realizzata con pregiate tessere oro.

Riflettendoci bene, credo che il suo approccio all’ordine e alla pulizia sia in qualche modo una necessità, visto il tipo di lavoro che egli svolge: in condizioni diverse ci sarebbe il rischio di protrarre i già lunghissimi tempi di lavorazione delle opere che realizza.
Giampietro Bisaro ha trasferito nel mosaico la passione che aveva da bambino per il disegno. Dell’arte musiva s’innamora all’età di tredici anni, quando inizia a frequentare la Scuola di Mosaico di Spilimbergo.

GIAMPIETRO BISARO
Le tessere di mosaico vengono accuratamente selezionate e devo rispondere a precisi standard qualitativi.

Da allora il disegno diventerà il mezzo con cui illustrare al committente l’opera finita e da cui partire per tradurre i segni in mille e una murrina.
In questa tecnica artistica le ore non si contano, né tanto meno la fatica. Una “fatica” che non va intesa come quella fisica del taglio delle tessere di mosaico, visto al giorno d’oggi sono già pronte a misura se si escludono lavorazioni particolari, ma della “manualità e concentrazione” che implica questo tipo di realizzazioni.

GIAMPIETRO BISARO
L’arte musiva per reinterpretare le mille sfumature di Monet.

Nel corso degli anni, Bisaro perfeziona così tanto la sua tecnica, da diventare il più richiesto tra i suoi colleghi mosaicisti per realizzare i volti. E guardando da vicino una delle sue opere si può intuire facilmente il perché: vi è una grazia non comune nella scelta delle tessere, oltre ad una grande sensibilità al colore. Quando si osservano le sue opere, si rischia addirittura di essere un po’ disorientati, tanto la percezione di trovarsi di fronte ad un dipinto ad olio sia reale.

GIAMPIETRO BISARO
Una grazia non comune nella scelta delle tessere contraddistingue le opere musive di Gianpietro Bisaro.

Ed è qui che ci si accorge quanto al mosaicista di San Giorgio della Richinvelda tornino utili le specifiche nozioni di disegno e teoria del colore.
Nella maggior parte dei casi le opere vengono realizzate per il mercato estero, dove la tradizione del mosaico ha enorme fascino ed è ideale per superfici di grandi dimensioni: architetture e luoghi pubblici, ma anche luoghi destinati al culto religioso: Stati Uniti, Grecia, Israele, Russia, Emirati Arabi solo per citarne alcuni.

GIAMPIETRO BISARO mosaico
Un particolare di un’opera di Gianpietro Bisaro, famoso per la sua capacità nella riproduzione dei visi con la tecnica del mosaico.

Gianpietro Bisaro collabora con le maggiori aziende del settore: Trevisanutto, Friul Mosaic e altri importanti laboratori.
Alla domanda quale fosse per lui il lavoro che gli ha dato maggiore soddisfazione, Bisaro ha risposto sorridendo che è il lavoro che deve ancora fare.

GIAMPIETRO BISARO
Il taglio delle tessere a misura sul ceppo

Una riposta che fa capire quanto lo stesso Bisaro ami la sua professione. Una professione dalle radici antichissime, dall’inestimabile valore artigianale. Noi friulani dovremmo salvaguardare e far conoscere al mondo intero il nostro talento e magari, quando siamo all’estero, ricordarci dei nostri amati sassi del Tagliamento: lucidi, forti e luminosi. Proprio come delle meravigliose tessere di mosaico.

Chiara Orlando

BISARO MOSAICI
di Gianpietro Bisaro
Via dell’Emigrante 3
33095 San Giorgio della Richinvelda (PN) ITALY
cell +39 339 65 35 487
Tel. +39 0427 96 712
e-mail: info@bisaromosaici.com

http://www.bisaromosaici.com/

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: